Google+ Followers

martedì 11 agosto 2015

Crostata dell' A-more

Eh sì.... Proprio dell'a-more, avete letto bene, perché il mio Amore si è insinuato tra i rovi selvatici delle montagne di Monreale per potermi regalare un meraviglioso bottino: le more ! 
 
Ma mi è sorto subito un dubbio... Niente niente che vuole il suo tornaconto ??! 
Mi sembra giusto...sfidiamo queste torride temperature e accendiamo il forno...  

Ingredienti per la frolla: 
250 gr farina per dolci senza glutine 
150 gr farina di mandorle 
1 uovo intero e 1 tuorlo 
120 gr zucchero di canna 
2 cucchiaini di miele millefiori 
80 gr olio di cocco 
Qualche goccia di Estratto di vaniglia homemade 
1/2 cucchiaino di lievito in polvere  

Ingredienti per la crema: 
500 ml latte ps 
80 gr maizena 
120 zucchero di canna 
Bucce di cedro ( o altro agrume ) 
1 cucchiaio di Estratto di vaniglia homemade 

Per la frolla procedete riunendo tutti gli ingredienti in una ciotola, amalgamate bene, formate una palla e ponete in frigo per un paio di ore , l'impasto ottenuto sarà morbido e un spo sbricioloso, ma poi riuscirete a compattarlo stendendolo dentro la forma. Tenete da parte una porzione, circa 50 gr da parte, per i fiorellini di frolla che serviranno nella seconda cottura ( questo passaggio e' facoltativo, in quanto solo decorativo, ma questo e' un aspetto che io amo ). 
Un'accenno anzi un link lo dedico alle proprietà dell' olio di cocco, che ho usato per la prima volta per questa frolla, e che da ora in poi, avrà un posto in primo piano nella mia dispensa ! 

Per la crema procedete mettendo gli ingredienti in un pentolino, fate sciogliere i grumi a freddo e poi lasciate cuocere fino a bollitura, mescolando continuamente con una frusta, ci vorranno circa 5/7 minuti e il tutto si addenserà, raggiungendo una consistenza gelatinosa, simile al budino ( non nego che uso questa crema proprio per fare dei buonissimi budini senza glutine per Michele, sostituendo parte della maizena col cacao amaro ). Fate freddare a fuoco spento con pellicola a contatto a temperatura ambiente, poi al momento che servirà, togliete le bucce di cedro o scorza di limone, montate leggermente con fruste elettriche e versatela crema all'interno della base della crostata, che avrete già fatto cuocere in precedenza, per 15 minuti a 180°, bucherellando il fondo. 
Una volta eseguiti questi passaggi, passate alla parte decorativa, quella che io prediligo, facendo tanti piccoli fiorellini di frolla, e infornate nuovamente fino a doratura. 
Completata la cottura, fate freddare bene, dentro lo stampo , la vostra crostata, sformate, delicatamente, e decorate con le more, spennellate con gelatina di frutta e...
 Mamma mia quanto e' buona !! 
E ora se permettete... Io assaggio !
Buonissima... Davvero... 
Provate anche solo la frolla, e mi direte...
Michele impazzisce per questi piccoli fiorellini... 
Questi hanno solo 0,5 cho cadauno !!! Per chi fa la conta, sa di cosa parlo...
Per questa crostata con queste dosi i cho totali sono 550, per la crema 200, per la sola frolla 400. Direte voi, ma 400+200 fa 600... 
Giusto, ma io ho tolto dall impasto circa 60 gr x fare i fiorellini e tenerli per la colazione di oggi :) 
Ora scappo, che ho da fare... Altri fiorellini !! 
A proposito...guardate bene la foto della frolla ....
Ma non sembra anche a voi che mi sorrida e mi faccia l'occhiolino ?!?  
...Ciao ! 

















4 commenti:

  1. eccola qui! BRAVA genietta! quindi si m'arricampu m'assittu e mangiu pure io! che bontà! un bacione e buon ferragosto

    RispondiElimina
  2. Adoro le more e pure io ho fatto la crostata quando me le hanno regalate belle e profumate.
    Ma non è facile che arrivino questi regali, dov'è che erano sti alberi????? No sai com'è ... giusto per dare qualche indicazione a Sandro.
    Brava Giovà.... strepitosa

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Pioppo... Dobbiamo andare a Pioppo..a Monreale ... E n' arricampamu chini ri more !! Baciuzz , Enza e Sonia !

    RispondiElimina