Google+ Followers

sabato 26 settembre 2015

RATATOUILLE !


Non credo abbia bisogno di altre presentazioni..! 
La sfida di farla nacque qualche settimana fa in un gruppo Facebook al quale sto iscritta, dove chef e maître più o meno stellati si alternano a bravi cuochi e massaie appassionate come me ... 
E così, prendendo spunto dalle foto del mitico cartone Disney, dopo aver incaricato e fatto caricare di verdure quel santo di mio marito, ( ma diciamocela tutta, non si è lamentato perché pensava già al suo tornaconto..) cominciai a lavare, mondare, ma soprattutto... Affettare ! 
Eh si, a mano, perché ce l' ho l'affettatrice, ma che prio c'è ??? Tutto a mano..evvaiiii ! 

Scene del cartone a cui mi sono ispirata...

Passiamo alla ricetta, correlata da un bellissimo ( almeno per me , spero anche per voi ) passo passo fotografico ! 

Per la salsa che fa da fondo alle verdure : 

Tre peperoni medi di tre colori, sbollentati e privi di buccia e semi 
Due carote medie o una grossa
Un po di salsa , qualche cucchiaio 
Un pugno di sedano 
Due spicchi di aglio
Origano 
Dieci foglie di Basilico fresco ( 5 per la salsa, 5 per le verdure ) 
Una foglia di alloro ( che andrà tolta prima di frullare la salsa ) 
Olio, sale o dado granulare ( solo se vegetale fatto in casa ) pepe bianco. 
Fate cuocere tutte le verdure in tegame, con un bicchiere di acqua, fino ad assorbimento dei liquidi , quindi togliete l' alloro e frullate tutto quanto, stendete sul fondo di una teglia tonda o ovale, tenete da parte qualche cucchiaio per decorare ...

Importante l'effetto cromatico della RATATOUILLE a fette, badate bene ai colori ed alternateli, una fetta chiara ed una scura , una chiara e una scura , ad esempio nero-rosso-verde-giallo... 

Per le verdure da mettere sopra la salsa : melanzane nere lunghe ( nero-viola ), zucchinette genovesi ( verde ), patate ( giallo ), pomodoro ( rosso ), da affettare sottilmente, max due tre mm, oppure da tagliare a dadini. 
Irrorate il tutto con un filo di olio evo, aromatizazte come più vi pia piace, mettete qualche foglia di basilico spezzettata a mano, coprite prima con un disco di carta forno, poi sigillate con carta alluminio, infornate a 200° per un' ora/un' ora e mezza. 

Il passo passo fotografico vi farà da guida ! 

Gli ingredienti della salsa che cuociono in tegame 
La salsa frullata, stesa sul fondo di una teglia 
Comnciare con le fettine, per il primo giro, partendo dall' esterno, in fila per quattro, tutte ben ordinate, senza lasciare troppi spazi, alternando e coordinando colori e sapori 
Si procede lentamente... 
Ecco come si presenta il primo giro completo ! 
Ora facciamo il secondo giro, all' interno del primo, accostato per benino, in senso inverso...
Chiudiamo... Che fatica, però.... Ma vale la pena, si, vale la pena.... 
Prospettiva frontale... 
Un filo d'olio evo, aromi e spezie finali , qualche foglia di basilico fresco spezzata a mano...
Copriamo con un disco di carta forno, poi con carta alluminio...e via, in forno, a 200° per 1 ora e 30' ! 
Eccola qui, io immensamente soddisfatta ! ( non vi dico mio marito, e chi ha avuto il piacere di assaggiarla.. ) 
La porzione su un disco di cous cous cotto in brodo vegetale, col mio brodo home Made... 
Ecco il brodo granulare vegetale fatto in casa, la ricetta al prossimo post .. 

Bene, buona la prima ! Ora passiamo alla seconda ... Perché due is megl che uan !!! :) 
Stessa crema come base, per il fondo della ratatouille 
Stavolta non ho molto tempo, e ne approfitto per provare la versione "dadolata" 
( adoro questa foto ) 
Prima di andare in forno, si presenta così 
Chiudiamo con carta forno e alluminio... Stavolta diminuisco il tempo, 1 ora a 200° 
Perfetta !! Buona anche la seconda !! La terza... Fatela voi ! 


Effetto Ratatouille ... Non resta niente !!!! Ma niente sul serio !!! Provate, contagerà anche voi !!! 

Spero vi sia piaciuta questa ricetta, io mi sono beccata, molto scherzosamente, un bellissimo 8,5 dagli chef ... Ma mio marito mi ha dato un bel 10 e lode ! 
Alla prossima.. Baciuzz a tutti ! 
























giovedì 24 settembre 2015

Rollo' coi würstel , questi piccoli mignon " sglutinati " !

Accontentatevi...non ho altre foto che questa... Man mano ne aggiungerò ...
Ma credetemi, mai fui soddisfatta come di questi piccoli mignon, perché ..senza glutine, finalmente... Morbidi ! E buonissimi... 
Federico e Michele hanno fatto il confronto, assaggiandone uno comprato in un negozio che fa solo cibo senza glutine... Raga'... Purtroppo il paragone non ha retto : i miei erano infinitamente più buoni ! 
( Lo ha detto anche papà Mauro e se lo dice lui, potete fidarvi ciecamente ! ) 

Eccovi la ricetta : 

300 gr farina pane pizza Farmo 
180 gr farina dolci Farmo 
70 gr fecola di patate 
13 gr sale 
70 gr strutto 
160 latte e 140 acqua ( 300 liquidi in totale ) ( volendo, solo latte o solo acqua ) 
20 gr lievito fresco da sciogliere nei liquidi tiepidi assime a 3 gr zucchero di canna e 12 gr miele 
1 uovo taglia "L" 
Würstel tagliati a metà q.b. 

Il procedimento e' il solito, impastare gli ingredienti, unendo alla fine il sale, lasciare lievitare coperto da pellicola a temperatura ambiente , il mio impasto ha raggiunto il top in una sola ora con la prova bicchiere ! 
 

Lievitazione già a 3 ore ( vedi prova bicchiere  ), a 36 ore nella ciotola 



Una volta lievitato, sulla spianatoia infarinata, ho smontato l ' impasto e nuovamente impastato, ho fatto dei rotolini di un cm e mezzo circa , peso pari a 38 gr cadauno, e li ho attorcigliati attorno a mezzo würstel , li ho poggiati sulla teglia e lasciati a lievitare un' altra ora, nel frattempo ho scaldato il forno a 180°, li ho spennellati con un battuto di uovo e latte, dopodiché li ho infornati, per una ventina di minuti, e poi a 200° fino a doratura della superficie .
Io ho fatto solo rollo', me ne son venuti 25, ma potete usare questo impasto anche per le pizzettine ! Sono sofficissime, ma... Niente foto ! Pazienza... Alla prossima impastata ! 



I cho per il solo impasto sono 470, per ogni pezzo ( gr 40 ) comprensivo di würstel cho sono circa 20 . 

Provateli e mi farete sapere ! 
Baciuzz a tutti ! 

mercoledì 2 settembre 2015

Mele fichi e mandorle, una crostata da sogno...


Si, da sogno, perché chi l ha assaggiata, al primo boccone, ha chiuso gli occhi, come trasportato in un sogno ...

Le foto non rendono, no, non rendono affatto la bontà di questa crostata, tra le più buone che io abbia fatto finora... Frolla alle mandorle , farcia crema bianca vaniglia e cedro, velata da confettura homemade di fichi freschi, mandorle dolci pelate e pepite di pasta reale al pistacchio, sempre fatta con le mie mani...copertura di mele marinate in brandy, lime e zucchero di canna e fiorellini della stessa frolla, e al centro una corolla di mandorle ....tutto rigorosamente senza glutine ... Portate il te' ... Io metto il dolce :) 


Intanto che preparate frolla e crema, lasciate a marinare due mele delicius ,tagliate a fette regolari e sottili, con un po di brandy, il succo di mezzo lime o limone, e un paio di cucchiaini di zucchero di canna . 

Dopo aver cotto la frolla, e versato la crema, ho velato la superficie con una marmellata di fichi  fatta in casa, semplicemente facendo cuocere fichi freschi e spellati con un po di zucchero di canna, poi ho sparpagliato una manciata di mandorle e qualche pezzetto di pasta reale al pistacchio, sempre home Made ( la ricetta al prossimo post ) ; infine ho decorato come da foto con le mele, ho bordato con piccoli fiorellini di frolla e creato una corolla di mandorle e fiori , ho irrorato le mele col liquido di marinatura ed ho infornato nuovamente per finire la cottura, per circa dieci minuti, o comunque fino a far dorare i fiorellini. 

Per la frolla e la crema potete fare riferimento qui : http://lamiacucinaperamore.blogspot.com/2015/08/crostata-dell-more.html 
Per il resto , affidatevi alla vostra fantasia, accostate i sapori e i colori assieme agli odori che più vi piacciono, cercando di immaginare cosa provereste al primo assaggio... 
Così e' nata questa crostata...che ha fatto sognare i miei commensali... 

Per l intera crostata i cho sono 300, considerando una mela e 100 grammi di mandorle in più rispetto alle ricette del link sopracitato , quindi ricordate di pesare la vostra torta, e calcolate i cho in base al peso della vostra fetta ( es.: se la torta pesa 1 kg e la fetta 100 gr, vuol dire che estrarrete 10 fette dalla vostra torta , quindi il calcolo sarà il seguente : 300:10 = 30 cho per porzione da 100 gr ) 
A presto e alla prossima genialata ! 
Baciuzz !!